Capodanno in Marocco

Dopo tanti Capodanni passati nelle capitali europee, l’anno scorso abbiamo deciso di cambiare completamente meta ed abbiamo quindi optato per qualcosa di diverso..Il Marocco.. 
Con un volo low cost della Ryanair siamo arrivati a Fes..e da lí abbiamo noleggiato la macchina e girato 10 giorni in questo meraviglioso paese.
Fes si gira molto bene con i taxi.. dall’aeroporto al centro si può optare per i “Grand Taxi”, vecchie mercedes degli anni 70 che stanno su con lo scotch ed un po di vinavil; il costo fisso della corsa è di 120 dirham (12 euro circa)! per girare in città invece si possono utilizzare i “Petit Taxi”, con 10 dirham (1 euro) la girate tutta…e provate l’ ebrezza di andare a bordo di una Uno diesel con 7 persone a bordo 🙂

Quindi che si fa? Si prende al volo un petit taxi e si va nella porta piu bella della Medina, la Bab Boujloud.
Medina di Fes

Entriamo nella Medina..un affascinante labirinto intricato di vie strette percorribile solo a piedi, dove l’unico mezzo di trasporto per trasportare la merce sono gli asini. Ammiriamo dall’esterno una delle porte della Grande Moschea di Kairaouine, uno dei centri teologici piu importanti del mondo musulmano e ci facciamo accompagnare nell’Antica Conceria di Fes, l’industria tessile con lavorazione delle pelli, del cotone e della lana. Le lavorazioni artigianali sono fatte usando metodi tradizionali, quasi primitivi..e non potete capire la puzza!! (Ci hanno dato una foglia di menta da mettere sotto il naso per “attutire” il forte odore!)

Antica Conceria di Fes

Dopo aver girato in lungo e largo per le stradine, dopo essere entrati in centinaia di bazar urge mangiare….ma dove?! Ovunque nella Medina ci sono posti dove si possono gustare fantastici piatti marocchini.. couscous e la tajine (stufati di carne o pesce cucinati nei contenitori di terracotta a forma conica), ovviamente tutto servito con il buonissimo tè alla menta.

Tajine e Couscous

Il giorno dopo si riparte in treno (che avventura) alla scoperta di Marrakech.. la città rossa! Ci sembra subito caotica, con mille macchine, motorini, taxi ed asini ed ancora motorini motorini e motorini che sfrecciano da ogni lato.
Dopo lo spaesamento iniziale cerchiamo il nostro riad; Il Riad è la tipica casa marocchina con una cortile con piscina all’aperto al centro della struttura e poche camere. Noi abbiamo dormito per 3 notti al riad Barroko, in una posizione meravigliosa appena fuori dal caos della Medina. Il proprietario è gentilissimo e disponibile, come tutto lo staff (wifi free e cena di capodanno a lume di candela).

Riad Barroko

Ci facciamo attirare dal rumore e dagli odori che arrivano dalla grande Piazza Djemaa el-Fna..

Piazza Djemaa el-Fna
un grande circo all’aperto dove giocolieri, incantatori di serpenti, donne che fanno tatuaggi, bancarelle di ogni genere si alternano ed attirano gente con i loro spettacoli. Dopo aver regalato monetine a mezzo Marocco ci sediamo e prendiamo una spremuta d’arancia nel cuore della piazza con 4DH (40 centesimi!)

Spremuta

È possibile mangiare direttamente nelle bancarelle in piazza, dal pesce fritto agli spiedini di carne.. tutto delizioso..solo una cosa..mangiate con le mani! Le posate non sono proprio pulite!
Per quanto riguarda le foto..cercate di farle di nascosto, perchè s’infastidiscono allo scatto o comunque vi chiedono dei soldi ( in genere 2€ ) per averli fotografati.. vedi foto sotto..

preparate le monete..sta arrivando!

Dopo aver noleggiato la macchina ci spostiamo da Marrakech e ci tuffiamo nella natura con un’escursine nelle Cascate di Ouzoud, le più alte del Marocco con 110mt di altezza. Noi ci siamo affidati ad una guida che seguendo un percorso piuttosto avventuroso, ci siamo immersi in un vero e proprio paradiso naturale. Cascatelle, piscine naturali in cui l’unico rumore era quello dell’acqua..

Cascate di Ouzoud

Riprendiamo la macchina e c’incamminiamo verso il sud..verso l’Oceano Atlantico..

Marocco on the road

Lunghe strade deserte, intervallate tra un paesino e l’altro tutti trafficatissimi arriviamo ad Essaouira, la città bianca.

Essaouira
Anche qui avevamo prenotato un riad rigorosamente all’interno della medina..lo troviamo quasi subito..ed è bellissimo e particolare anche questo. La città è circondata dalle mura, la troviamo molto estiva sarà stato il mare o forse l’aria che si respirava.
Decidiamo di mangiare in una di quelle bancarelle che esponevano il pesce appena pescato.. pesce alla griglia cucinato davanti agli occhi..risultato? Ottimo prezzo e ottimo pesce servito con pane, pomodorini e cipolla….sempre tutto rigorosamente mangiato con le mani! 😉
La sera fa veramente freddo rispetto alla calda Marrakech..

Restiamo solo 1 notte lì e partiamo la mattina seguente per vedere qualche altra città. Rabat e Salè non ci hanno impressionato moltissimo, anche perché secondo noi Marrakech non ha eguali…

PS il post arriva un anno dopo questo viaggio per il poco tempo che ho avuto a disposizione.

PS2 ci potrebbero essere degli errori di battitura perché questo post è stato scritto su un iPad durante un viaggio in macchina…

Lascia un commento