Il mio nuovo Kindle 4

Ormai lo uso da circa un mese e posso tranquillamente dire di non poterne più fare a meno. Sto parlando del Kindle.

All’inizio non ero molto convinto sul passare alla lettura “digitale”; sapete: il fascino del libro, il profumo della carta e tutte quelle menate lì insomma 🙂 , ma alla fine penso che un regalo migliore non avrei potuto riceverlo.

Di sicuro è aumentata la frequenza e la durata delle mie letture, non so se per il fattore novità ma riesco a leggere con meno fatica.

Lo schermo e-ink offre un ottimo contrasto anche in condizioni di luce molto intensa. Sembra di leggere veramente una pagina di un libro vero….ed i miei occhi ringraziano. Quando voltiamo pagina, per una frazione di secondo i caratteri della pagina precedente sfumano verso la pagina successiva e restano impressi sullo schermo. si tratta comunque di un passaggio abbastanza veloce e poco fastidioso.

Il mio è un Kindle 4, l’ultimo modello di casa Amazon. Non è touch – e questa è la cosa che mi spaventava di più, essendo abituato a gestire con il touch quasi tutti i dispositivi che posseggo – ma è dotato di pochi tasti che servono a sfogliare le pagine, navigare tra i menu, aprire la tastiera virtuale ed ovviamente accendere/spegnere il dispositivo.

Una volta tirato fuori dalla confezione il sistema è abbastanza intuitivo e si capisce subito dove andare “a mettere le mani” per poter iniziare ad usarlo. L’interfaccia è molto semplice e ci consente di organizzare i nostri ebook in raccolte.

Ma come facciamo a trasferire i libri sul reader?

Purtroppo Amazon non ha rilasciato un software per la gestione del Kindle, una volta collegato con il cavo USB verrà riconosciuto come una periferica di archiviazione rimovibile. Se vogliamo avere maggiore controllo dobbiamo quindi rivolgerci ad applicativi di terze parti. Di sicuro il migliore, anche se uno dei più brutti software che abbia mai visto, è Calibre. Il software fa egregiamente il suo lavoro, ossia conversione, trasferimento e gestione degli ebook da pc (esiste anche per mac e per linux) a kindle (o altro ebook reader).

Un alternativa all’utilizzo del cavo è l’uso del wifi di cui il kindle è dotato. Io uso quasi sempre questa modalità, la trovo più comoda. Il trasferimento non è diretto ma bisogna passare attraverso un indirizzo email.

In pratica all’atto della registrazione del dispositivo su Amazon si può registrare un indirizzo email del tipo xyz@kindle.com a cui poter inviare i propri documenti o ebook. I formati supportati sono questi:

Microsoft Word (.DOC, .DOCX)
HTML (.HTML, .HTM)
RTF (.RTF)
JPEG (.JPEG, .JPG)
Kindle Format (.MOBI, .AZW)
GIF (.GIF)
PNG (.PNG)
BMP (.BMP)
Il formato PDF (.PDF); è supportato in modalità sperimentale.

Manca il formato ePub per ora.

Una volta inviata la mail con in allegato il documento, nel giro di pochi minuti ce lo ritroveremo sul nostro dispositivo, pronto da leggere. Comodo no? Qui è possibile trovare qualche info in più.

Un altra cosa di cui non potrei fare più a meno è la possibilità di integrare Kindle e Instapaper. Vi capiterà tutti i giorni di trovare articoli, post o pagine interessanti mentre navigate in rete. Spesso però o siamo al lavoro oppure l’articolo è troppo lungo e quindi sarebbe meglio leggerlo in un altro momento. Beh Instapaper ci viene in soccorso e consente di “salvare” la pagina per la lettura in qualsiasi momento… Fin qui sarebbe già buono…ma con il Kindle possiamo fare qualcosa di più. Possiamo far recapitare direttamente sull’ebook reader gli articoli interessanti. A cadenza regolare il servizio raccoglie gli ultimi articoli aggiunti e li spedisce al Kindle sotto forma di rivista navigabile con un indice. Ovviamente Instapaper è l’app che non deve mancare anche sul vostro Iphone o Ipad.

Il kindle è dotato di un browser abbastanza primitivo, da usare solo in condizioni di estrema necessità perchè l’esperienza di utilizzo, soprattutto della tastiera virtuale, non è delle migliori.

Punti di forza:

Peso e dimensioni
Schermo e-ink
Facilità di utilizzo

Punti deboli:

Browser
Mancanza di un software di gestione

3 pensieri su “Il mio nuovo Kindle 4

  1. Ciao, ottima e fedele recensione la tua!

    Io sto trovando molto comodo il servizio klip.me, rispetto a Instapaper ti invia direttamente gli articoli e singolarmente. Inoltre (su Firefox) basta un bookmark per inviare gli articoli.

    1. Grazie. Mi capita di usare anche klip.me ma per abitudine mi trovo meglio con Instapaper. Sicuramente incide il fatto di poter leggere anche su ipad ed iphone i bookmark.

Lascia un commento