Cosa sapere e cosa fare prima di partire per Cuba

Si avvicina il Natale e, come ogni anno, si avvicina il nostro piccolo viaggio. Quest’anno dopo tante idee, e altrettanti ipotesi scartate, abbiamo deciso per Cuba. Dopo aver scelto l’Asia per due anni di fila, quest’anno abbiamo optato per i Caraibi e cosa di meglio se non la Isla Grande dei Caraibi?

Prima di partire, come al solito, ci siamo messi alla ricerca di spunti e consigli su blog/forum ecc. Ho letto decine di post e, essendo appassionato di fotografie, guardato migliaia di foto e di video. Alla ricerca di info su cosa fare/vedere a Cuba mi sono imbattuto su Easyviaggio. Un portale di viaggi che non si limita a comparare offerte di servizi di viaggio ma è una fonte enorme di informazioni con delle schede dettagliate su tantissimi paesi. Questa, per esempio, è la scheda di Cuba.

Il primo step è stato quello di cercare il volo. Abbiamo comparato/valutato diverse soluzioni e diverse tariffe e, dopo tante, tantissime ricerche abbiamo optato per l’Air Canada, eletta miglior compagnia del Nord America per 5 anni consecutivi.

Avana Cuba
A circa un mese dalla partenza ho raccolto qualche consiglio su cosa sapere e cosa fare prima di partire per Cuba:

  • La moneta: Cuba applica un doppio sistema monetario per i cittadini cubani e per i turisti. Nel primo caso la moneta ufficiale è il Peso cubano (moneta dal bassissimo valore). I turisti devono invece utilizzare il CUC (pesos cubani convertibili). Ad oggi il cambio EURO:CUC è 1:1,25. Pagare con la carta di credito/bancomat è molto difficile (ed è importante che non siano state emesse negli USA)
  • Prima di prenotare, assicuratevi di conoscere la situazione sull’isola e consultate la pagina dedicata a Cuba sul sito www.viaggiaresicuri.it;
  • Il passaporto: deve essere valido per i tre mesi successivi alla data di ritorno;
  • Carta turistica / Visto d’ingresso: é obbligatorio per entrare a Cuba. Se comprate il biglietto da un tour operator di solito è gia comprensivo del relativo visto; se come noi viaggiate individualmente, la carta turistica si può acquistare all’Ambasciata di Cuba a Roma o dal Consolato di Cuba a Milano prezzo circa € 22,00. Oppure, come abbiamo fatto noi, in agenzia di viaggio, costa qualcosina in più ma almeno ci ha risparmiato il viaggio a Roma o Milano. La carta è valida per 6 mesi dalla data di emissione e permette solo 30 giorni di soggiorno. Il visto dovrà poi essere restituito all’uscita del paese insieme a 25CUC;
  • Assicurazione di viaggio: Dal 1 maggio 2010 è entrata in vigore una nuova legge che obbliga a tutti i viaggiatori residenti all’estero a sottoscrivere una polizza assicurativa che copra le spese mediche. La polizza dovrà essere emessa da compagnie assicurative riconosciute a Cuba. Ce ne sono decine e decine che offrono questo tipo di servizio, con quotazioni molto diverse tra di loro. Prima di decidere date un occhiata all’ elenco delle agenzie autorizzate disponibile su www.asistur.cu;
  • Internet: la connessione wifi a Cuba si trova in alcuni hotel di fascia alta. Al di fuori di questi luoghi gli unici punti di accesso alla rete sono i telepunto Etecsa dove è possibile acquistare una scheda che da dirititto all’accesso alla rete (dai pc presenti all’interno dei telepunto) per circa 1 ora.
  • Dove dormire: a Cuba si può optare per hotel di categoria medio/alta oppure per le classiche e diffusissime “Casas Particulares”. Questa soluzione consente di soggiornare in camere di case private che gli abitanti del luogo possono affittare ai turisti. E’ la soluzione migliore per chi viaggia in modo indipendente anche perchè offre la possibilità di conoscere da vicino la vita quotidiana dei cubani. Le case particular si riconoscono dall’insegna azzurra apposta sulla porta con la scritta “Arrendator Divisa”. Il costo per questa soluzione varia tra i 15 ed i 50 CUC a notte. Dopo aver letto mille recensioni abbiamo deciso per delle case particular prenotate proprio su Easyviaggio.

Cosa mettere in valigia:

Il nostro viaggio a Cuba sarà zaino in spalla e come sempre ci sarà il minimo indispensabile. Indumenti leggeri e costume da bagno e poi sicuramente creme solari, occhiali da sole e repellenti per zanzare e insetti.
Porteremo tante saponette e vestiti che non indossiamo più, penne e tante cose da regalare.
La prima parte del nostro viaggio sarà tra l’Avana e Cayo Largo, tra storia e relax. La seconda parte sarà ontheorad verso sud alla scoperta della Cuba più autentica e genuina.

Molti sconsigliano, per una serie di motivi, di noleggiare l’auto a Cuba: le strade non sono il massimo, la segnaletica stradale è un disastro ed il costo per il noleggio è abbastanza alto. Nel nostro caso ha vinto la voglia di libertà e di flessibilità (e forse la nostra testa dura) ed abbiamo comunque optato per il noleggio.

Visto le pessime condizioni delle strade una buona cartina stradale ed una bussola per orientarsi sull’isola sono fondamentali. La migliore cartina di Cuba che si riesce a trovare in Italia è la EDT Marco Polo, dove vengono segnalate in maniera corrette le strade e sono identificati anche i luoghi “da vedere”.

Purtroppo sembra che Cuba non sia coperta dal segnale GPS, quindi addio TomTom & Co.

CayoLargo Cuba

Lascia un commento